Progetti: Bonifiche

Polo industriale di Portovesme


Polo industriale di Portovesme

Bonifica ambientale dei terreni del sito metallurgico attivo di Portoscuso (SU)

L’attività di progettazione si inserisce all'interno di un intervento di messa in sicurezza operativa dell'area con procedimento di bonifica in procedura ordinaria ai sensi dell’art. n.242 del D.Lgs.152/2006 (Testo Unico Ambientale).

  • Committente:HPC Italia S.r.l.
  • Località:Portoscuso (SU)
  • Tipo di servizio:Progetto Esecutivo; Direzione Lavori; Coordinamento della Sicurezza
  • Periodo:2016 - in corso
  • Importo lavori:€ 25.000.000

Il sito produttivo di Portoscuso è ubicato nell'ambito del polo industriale di Portovesme, nel settore Sud-Occidentale della Sardegna. Lo stabilimento, in esercizio dal 1970 per la produzione di Zinco e Piombo, ha un'estensione pari a circa 70 ha e ricade all'interno del Sito di Interesse Nazionale Sulcis-Iglesiente-Guspinese.

A seguito della contaminazione da metalli pesanti riscontrata a carico delle matrici terreno superficiali e profonde, nel 2013 è stato presentato alle Autorità competenti il Progetto Operativo di Bonifica (POB) ai sensi del D.Lgs.152/06. Il POB si inquadra come Progetto di Messa in Sicurezza Operativa (MISO) e consiste in attività di scavo, smaltimento (Fase 1A) e successiva impermeabilizzazione delle superfici impattate (Fase 1B) con posa di specifici pacchetti impermeabilizzanti ad elevate prestazioni. Data la complessità e l'estensione dell'area, nonché le limitazioni dettate dal dover operare con lo stabilimento in funzione, le attività previste dalla Fase 1 sono state suddivise in 5 differenti Stralci Funzionali.

La bonifica integrale del sito (Fase 2) è prevista naturalmente solo al termine delle attività produttive dello stabilimento (attualmente non è stato definito alcun orizzonte temporale).

Pro Iter Ambiente, a partire dal 2015 ha provveduto alla progettazione esecutiva della stazione di deposito temporaneo dei terreni di bonifica e degli interventi di bonifica delle Fasi 1A-1B (1° e 2° Stralcio Funzionale), svolgendo anche le attività di Direzione Lavori e Coordinamento della Sicurezza.

La revisione del POB (ottobre 2017) ha aggiornato gli obiettivi di bonifica per alcuni contaminati d'interesse, in conformità alle Linee Guida sull'Analisi di Rischio emanate dal MATTM nel 2014 ed approvate nel febbraio 2018. Il riesame ha comportato la produzione di varianti progettuali in corso d'opera: attualmente sono in corso le attività propedeutiche alla progettazione esecutiva degli interventi del 3° Stralcio Funzionale.