Progetti: Strade e Autostrade

Collegamento S.P.39-S.P.40


Collegamento S.P.39-S.P.40

Connessione della S.P."Cerca" con la S.P."Binaschina" nel comune di Melegnano

Il progetto riguarda una nuova connessione diretta tra le due provinciali, esterna al centro abitato di Melegnano, in grado di migliorare la funzionalità generale della rete stradale e nel contempo risanare il clima acustico ed atmosferico all’interno del centro abitato.

  • Committente:Provincia di Milano
  • Località:Melegnano
  • Tipo di servizio:Progetto Definitivo; Studio di Impatto Ambientale
  • Periodo:2006 - 2008
  • Importo lavori:€ 26.461.000

L'obiettivo del progetto è quello di separare il traffico di attraversamento da quello locale, definendo un tracciato stradale che, partendo dall'esistente rotatoria all'incrocio della S.P. n.40 "Binaschina" con la S.S. n.9 "via Emilia" a nord di Melegnano, si sviluppi perimetralmente al centro abitato e dopo aver superato in sequenza il Cavo Vettabbia e il fiume Lambro, si chiuda sulla SP n.39 immediatamente a sud della zona industriale di Colturano.

Il progetto del nuovo raccordo stradale prevede:

  • la realizzazione del nuovo tratto stradale per uno sviluppo complessivo pari a 1419 m innestato sulla viabilità esistente attraverso due svincoli del tipo rotatoria a raso. L'intero tracciato è in rilevato con quote variabili da 3.00 m a 7.00 m sul piano campagna; le interferenze con i corsi d'acqua attraversati sono risolte con l'inserimento di due ponti di cui il più significativo sul fiume Lambro si sviluppa per complessivi 576 m, mentre quello sul canale Redefossi ha una luce unica pari a 25 m;
  • la realizzazione di un percorso ciclopedonale in leggero rilevato di sviluppo pari a 780 m, con sovrappasso al fiume Lambro mediante passerella di luce pari a 30.0 m (sollevabile per ragioni legate all'interferenza con le fasce di esondazione del Lambro) e successivo sottopasso alla strada in progetto con un manufatto scatolare;
  • la riqualifica del 'Percorso dei Giganti' per uno sviluppo complessivo di 1075 m circa per creazione di percorso ciclopedonale.

Le principali peculiarità della progettazione riguardano l'inserimento paesistico - ambientale, lo studio della compatibilità idraulica dell'attraversamento del fiume Lambro e del Cavo Redefossi e la realizzazione di un'opera - il ponte sul Lambro - di particolare pregio architettonico e paesaggistico. Il ponte si caratterizza per un impalcato in c.a.p. gettato in opera di sviluppo pari a 576 m e sorretto da pile a cavalletto che ne parzializzano la luce a formare una serie di archi ribassati consecutivi coniugando le forme architettoniche storiche degli archi con le moderne tecnologia costruttive.